Pastiera

standard 26 Marzo 2021 5 responses

La Pastiera è immancabile il giorno di Pasqua in ogni tavola napoletana. E’ un piatto del cuore, è un piatto di famiglia. La tradizione poi vuole che se ne facciano in abbondanza e le si regali ai familiari ed amici.

La ricetta che voglio donarvi è quella tradizionale che usava la mia nonna e poi mia madre. E’ una ricetta intima, che porta con sè anni e anni di sperimentazione e pranzi di famiglia.

Nessuno può sfuggire al fascino della pastiera. Fascino che dura una settimana e più tempo passa, più il dolce diventa buono e speciale.

La pastiera andrebbe presentata nel suo tipico “ruoto” ovvero una teglia rotonda di latta alta circa 4 cm che si usa anche per presentare il dolce.

Pastiera

5 from 1 vote
Portata Dessert

Ingredienti
  

Pasta frolla

  • 250 gr farina 00
  • 125 gr burro o strutto
  • 125 gr zucchero
  • 3 tuorli

Per il grano

  • 170 gr grano bagnato
  • 350 ml latte
  • buccia di un'arancia
  • noce strutto
  • q.b. vaniglia
  • 1 cucchiaino zucchero

Per il ripieno

  • 250 gr ricotta mista
  • 170 gr zucchero
  • 3 tuorli
  • 2 albumi
  • 50 gr acqua di fiori d'arancio
  • 70 gr canditi misti
  • pizzico cannella

Istruzioni
 

  • Il giorno precedente da quello della produzione della pastiera, dovrete cuocere il grano con il latte, zucchero, strutto, buccia d'arancia e vaniglia per almeno 2 ore a fuoco bassissimo, finchè questo non sia leggermente sfatto e aperto e il latte evaporato.
  • Fate quindi la pasta frolla unendo gli ingredienti in una fontana e mettetela a riposare in frigo.
  • Setacciate la ricotta e aggiungete lo zucchero e lavorate bene il composto. Quindi aggiungete prima i tuorli uno alla volta, il grano, l'acqua di fiori d'arancio, la cannella e i vari canditi tagliati a minuscoli dadi. (Io ne frullo una parte con una parte di grano). Infine aggiungete gli albumi montati a neve.
  • Stendete due terzi di pasta frolla piuttosto sottilmente sul vostro "ruoto" di circa 24 cm ben oliato. Versate quindi il composto interno che sarà piuttosto morbido.
  • Con il resto della pasta frolla, fate delle strisce di circa 2 cm e disponetele a griglia. Le strisce da tradizione dovrebbero essere 7 anche se nella mia famiglia non era rispettata.
  • Cuocete a 170° per circa un'ora. Il ripieno deve completamente asciugarsi e rassodarsi e la pasta frolla deve essere bionda.
  • Lasciate raffreddare la pastiera e senza sformarla, spolverizzatela di zucchero a velo. Servitela nel suo "ruoto", possibilmente qualche giorno dopo averla creata perchè più riposa, più migliora.
Keyword pastiera, pastiera napoletana

Non vedo l’ora di cimentarmi anche quest’anno con la pastiera. Senza di lei e del casatiello non è Pasqua.

Baci di Pasqua,

Jess