Carbonara di asparagi

standard 17 aprile 2018 Leave a response

Quanto mi piacciono le ricette di stagione. Adoro cucinare con le cose giuste, quelle che rifioriscono al mercato quando arrivano le stagioni. Siamo in primavera ed è tempo di asparagi! Vi avevo già mostrato la cacio e pepe con asparagi e gli asparagi al forno però con cosa secondo voi gli asparagi si esprimono al meglio? Secondo me con le uova.

Così nasce la mia carbonara di asparagi, un primo piatto velocissimo e gustoso nel perfetto connubio uova ed asparagi. La carbonara d’asparagi è facile da fare, buona buona e piace tanto anche ai bambini che storcono il naso alle verdure.

Carbonara di asparagi
 
Cook time
Tempo di preparazione
 
Autore:
Ingredienti
  • 360 gr pasta
  • 3 uova
  • 300 gr asparagi
  • mezzo scalogo
  • 30 gr parmigiano
  • sale,pepe
  • 70 gr pancetta affumicata a listarelle sottili
  • olio extravergine d'oliva
Procedimento
  1. Rosolate in poco olio gli asparagi a rondelle di circa 1 cm, la pancetta e lo scalogno a fettine sottili per circa 10/15 minuti o finchè gli asparagi risultino cotti ma ancora croccanti. Salate leggermente.
  2. Mettete l'acqua della pasta a bollire e nel mentre sbattete le uova con il parmigiano, sale e pepe a piacere.
  3. Quando la pasta è cotta al dente scolate e rimettetela in pentola su fuoco acceso con gli asparagi e il loro condimento. Quando ben caldo il tutto, spegnete il fuoco e aggiungete le uova. Mantecate per un paio di minuti fino a che le uova si saranno leggermente rapprese ma resteranno comunque cremose. Servite caldissima con parmigiano a piacere.

Che bontà questa carbonara di asparagi. Potete farne anche una versione vegetariana eliminando la pancetta.

Vi aspetto con questo piatto primaverile buonissimo in tavola.

Bacini di primavera,

Jess

Gattò di patate

standard 6 febbraio 2018 1 response

Questa è una ricetta meravigliosa. A partire dal nome. GATTO’ DI PATATE. A Napoli ci piace fare le cose nella nostra unica maniera. Ovviamente la parola esatta sarebbe gateau di patate che dal francese vuol dire torta di patate ma a Napoli questo delizioso sformato è diventato l’inconfondibile Gattò di patate.

Con l’arrivo degli Asburgo a Napoli nel tardo ‘700 ci fu il connubio tra cucina locale e quella di influenza francese. La nuova Regina rafforzò nella capitale il gusto d’oltralpe e così nacquero piatti come il gattò, il crocchè, il ragù.

Ognuno vi darà la ricetta del suo gattò, io custodisco quello della nonna Bianca. Era un capolavoro! Il gattò di patate è un piatto sostanzioso, invernale a base di patate e salumi. A me piace molto anche il giorno dopo ed è una vera coccola, il piatto principe della domenica.

Gattò di patate
 
Cook time
Tempo di preparazione
 
Autore:
Ingredienti
  • 1 kg di patate
  • 50 g di burro
  • 1 uovo
  • 150 gr di prosciutto cotto a dadini
  • 200 gr di mozzarella o provola o misto
  • 50 gr di parmigiano grattugiato
  • 80 g di salame
  • sale, pepe
  • pangrattato q.b.
Procedimento
  1. Fate bollire le patate con buccia ben lavata in acqua salata.
  2. Quando ben morbide, togliete la buccia e schiacciatele ⅔ volte fino ad avere una purea morbida. Aggiungete il burro quando ancora caldo il composto e mescolate.
  3. Una volta raffreddato il composto aggiungete l'uovo, il parmigiano, i salumi e la mozzarella. Mescolate bene.
  4. Imburrate una teglia e versate il composto. Ricoprite con pangrattato e piccoli riccioli di burro.
  5. Infornate a 180° in forno già caldo per circa 35 minuti fino a crosticina ben dorata.


E’ buonissimo! Il gattò di patate è cremoso, squisito, vi farà sempre fare un figurone.

Vi aspetto con le foto appena lo preparate!

Bacini saporiti,

Jess