Pastiera

standard 26 Marzo 2021 5 responses

La Pastiera è immancabile il giorno di Pasqua in ogni tavola napoletana. E’ un piatto del cuore, è un piatto di famiglia. La tradizione poi vuole che se ne facciano in abbondanza e le si regali ai familiari ed amici.

La ricetta che voglio donarvi è quella tradizionale che usava la mia nonna e poi mia madre. E’ una ricetta intima, che porta con sè anni e anni di sperimentazione e pranzi di famiglia.

Nessuno può sfuggire al fascino della pastiera. Fascino che dura una settimana e più tempo passa, più il dolce diventa buono e speciale.

La pastiera andrebbe presentata nel suo tipico “ruoto” ovvero una teglia rotonda di latta alta circa 4 cm che si usa anche per presentare il dolce.

Pastiera

5 from 1 vote
Portata Dessert

Ingredienti
  

Pasta frolla

  • 250 gr farina 00
  • 125 gr burro o strutto
  • 125 gr zucchero
  • 3 tuorli

Per il grano

  • 170 gr grano bagnato
  • 350 ml latte
  • buccia di un'arancia
  • noce strutto
  • q.b. vaniglia
  • 1 cucchiaino zucchero

Per il ripieno

  • 250 gr ricotta mista
  • 170 gr zucchero
  • 3 tuorli
  • 2 albumi
  • 50 gr acqua di fiori d'arancio
  • 70 gr canditi misti
  • pizzico cannella

Istruzioni
 

  • Il giorno precedente da quello della produzione della pastiera, dovrete cuocere il grano con il latte, zucchero, strutto, buccia d'arancia e vaniglia per almeno 2 ore a fuoco bassissimo, finchè questo non sia leggermente sfatto e aperto e il latte evaporato.
  • Fate quindi la pasta frolla unendo gli ingredienti in una fontana e mettetela a riposare in frigo.
  • Setacciate la ricotta e aggiungete lo zucchero e lavorate bene il composto. Quindi aggiungete prima i tuorli uno alla volta, il grano, l'acqua di fiori d'arancio, la cannella e i vari canditi tagliati a minuscoli dadi. (Io ne frullo una parte con una parte di grano). Infine aggiungete gli albumi montati a neve.
  • Stendete due terzi di pasta frolla piuttosto sottilmente sul vostro "ruoto" di circa 24 cm ben oliato. Versate quindi il composto interno che sarà piuttosto morbido.
  • Con il resto della pasta frolla, fate delle strisce di circa 2 cm e disponetele a griglia. Le strisce da tradizione dovrebbero essere 7 anche se nella mia famiglia non era rispettata.
  • Cuocete a 170° per circa un'ora. Il ripieno deve completamente asciugarsi e rassodarsi e la pasta frolla deve essere bionda.
  • Lasciate raffreddare la pastiera e senza sformarla, spolverizzatela di zucchero a velo. Servitela nel suo "ruoto", possibilmente qualche giorno dopo averla creata perchè più riposa, più migliora.
Keyword pastiera, pastiera napoletana

E per il FATTO DA VOI ecco la pastiera di Elisa, Ilaria e Simona.

Non vedo l’ora di cimentarmi anche quest’anno con la pastiera. Senza di lei e del casatiello non è Pasqua.

Baci di Pasqua,

Jess

Zeppole di San Giuseppe

standard 22 Marzo 2017 6 responses

Le zeppole di San Giuseppe al forno sono un classico della pasticceria napoletana. Non c’è San Giuseppe che tenga, i papà devono mangiare la zeppola. Le zeppole possono essere sia fritte che al forno ma la mia preferita è sicuramente al forno.

Le zeppole di San Giuseppe sono dei maxi bignè di pasta choux farcite con crema pasticcera e guarnite con delle amarene sciroppate. A Napoli sono un must!

Zeppole di San Giuseppe

Miss Mou
5 from 1 vote
Cottura 2 h
Tempo totale 2 h

Ingredienti
  

  • Per l’impasto
  • 250 gr farina
  • 150 gr burro
  • 250 ml acqua
  • 6 uova
  • 4 gr sale
  • 1 pizzico di vaniglia
  • olio per friggere
  • Per la crema
  • 470 ml latte intero
  • 50 gr maizena
  • 110 gr zucchero
  • buccia di 1 limone
  • 1 bacca di vaniglia
  • 6 tuorli
  • Per la preparazione e decorazione
  • Amarene
  • Zucchero a velo

Istruzioni
 

  • Mettete sul fuoco l'acqua e il burro finchè non è liquefatto. Portate a bollore. Appena compaiono le bollicine versate la farina e spegnete il fuoco.
  • Mescolate energicamente con un cucchiaio di legno. Quando l'impasto si staccherà dalle pareti del pentolino rimettete sul fuoco e aspettate che sfregoli sempre girando.
  • Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare. Quindi aggiungete le uova una alla volta mescolando e avendo cura di aspettare a mettere il seguente finchè non sarà completamente assorbito il precedente. Quando sarà pronto inserite l'impasto in una sacca a poche e con una bocca a fiore di almeno 8/10 mm.
  • Formate su una teglia rivestita di carta forno due cerchi sovrapposti di un diametro di circa 5 cm lasciando un buchetto al centro.
  • Infornate a 180° per circa 30/35 minuti avendo cura di non aprile MAI il forno per evitare che si smontino le zeppole. Sfornate e fate raffreddare.
  • Nel mentre preparate la crema pasticcera. Montate i tuorli con lo zucchero. Aggiungete la maizena e mescolate.
  • Mettete sul fuoco il latte in una casseruola e portate ad ebollizione. Aggiungete la vaniglia verso la fine e la buccia di limone grattugiata. Versate con delicatezza il latte sul composto di tuorli, zucchero e maizena e mescolate con la frusta.
  • Rimettete tutto in casseruola e portate a ebollizione a fuoco lento senza mai smettetere di mescolare. Alla consistenza desiderata spegnete e lasciate raffreddare.
  • Una volta raffreddata la crema pasticcera potrete farcire le zeppole o solo esternamente con un giro di crema, zucchero a velo e amarene oppure aprendo a metà la zeppola e facendo un giro di crema all'interno e poi uno all'esterno.

E’ una preparazione lunghina ma il sapore supera di gran lunga la fatica. Io personalmente le adoro. Completate con un magico pasticcio di tagliolini.

E per la rubrica del FATTO DA VOI ecco le zeppole di Vanessa, Silvia e Maria.

Bacini zeppolosi,

Jess